Buona politicaSocietΓ  e CulturaStorie Diverse

π‹β€™πšπ§π§π¨ 𝐜𝐑𝐞 π―πžπ«π«πšΜ€ – 𝐄𝐫𝐨𝐒 𝐝𝐞π₯ 𝐧𝐨𝐬𝐭𝐫𝐨 𝐭𝐞𝐦𝐩𝐨

3 Mins read

Sono eroi del nostro tempo, eppure sono perseguiti dalla legge.

Hanno iniziato un dibattito che serviva alle nostre democrazie, ma sulle loro teste pendono ancora capi d’accusa che equiparano il giornalismo libero a un atto di spionaggio. E’ di pochi giorni fa la notizia che UK ha negato l’estradizione di Assange agli Usa: se questo atto gli ha probabilmente salvato la vita, la sua vita Γ¨ comunque in carcere e la sua vicenda giudiziaria Γ¨ ben lontana dall’essere risolta. Manning, la whistleblower responsabile delle maggiori rivelazioni di WikiLeaks del 2010, dopo un decennio di resistenza a bullismo legale, pene draconiane e incarcerazioni prossime alla tortura, Γ¨ finalmente – e si spera definitivamente – una donna libera, liberata nel 2018 per intercessione presidenziale di Obama da una condanna che l’avrebbe altrimenti tenuta in carcere con l’accusa di spionaggio per 35 anni.

Snowden, tecnico della CIA che denunciΓ² il programma di sorveglianza di massa, vive da anni esiliato con la sua famiglia in Russia, sotto protezione.

In un editoriale dedicato al caso, il Guardian ha chiaramente detto che le accuse dell’America contro Assange minano le basi della democrazia e della libertΓ  di stampa in entrambi i paesi, UK e USA. Inizialmente, l’accusa era solo di crimine informatico, per cui Assange rischia fino a un massimo di 5 anni. Reato che, come abbiamo piΓΉ volte spiegato, non Γ¨ mai avvenuto.

Nel maggio 2019, perΓ², l’amministrazione Trump accusa Assange anche di spionaggio, ai sensi dello Espionage Act, aggiungendo altri 17 capi di imputazione per aver pubblicato materiale riservato fornitogli dall’allora analista dell’intelligence dell’esercito statunitense Chelsea Manning nel 2010. La sua colpa Γ¨ aver pubblicato riservati del Pentagono sui crimini commessi dai soldati statunitensi nelle guerre in Iraq e Afganistan contro civili peraltro disarmati.Β 

 

“Nel suo saggio Il tempo della rivolta (Bollati Boringhieri), Donatella Di Cesare dedica diverse pagine a Edward Snowden, Julian Assange e Chelsea Manning, tre figure cardine che negli ultimi dieci anni hanno contribuito in modo radicale a evidenziare il potenziale del whistleblowing (e del giornalismo) di sollevare questioni fondamentali, portandole all’attenzione del pubblico. β€œLe loro scelte”, scrive Di Cesare, β€œhanno dischiuso un oltreconfine, lasciando intravedere nuove possibilità”. Il decennio 2010-2020 Γ¨ stato intriso di dibattiti attorno a questioni come l’impatto della tecnologia sulle societΓ  contemporanee, la sorveglianza di massa e lo sfruttamento capitalistico delle identitΓ  personali online. Come Γ¨ ormai palese, questi non sono piΓΉ temi puramente tecnologici o specialistici: al contrario, sono tematiche politiche nel senso piΓΉ ampio possibile, terreni di scontro civile e democratico. L’inclusione di Manning, Assange e Snowden nell’alveo delle costellazioni delle rivolte contemporanea proposta da Di Cesare Γ¨ emblematica perchΓ© la pratica dei leak Γ¨ stata spesso il momento iniziatico di quei dibattiti fondamentali: il disvelamento della coltre di segreto, l’emersione delle prove e, appunto, di nuove possibilitΓ . Senza la breccia aperta da quei leak nell’interesse pubblico non avremmo avuto quei dibattiti e quei temi non avrebbero scalato le prioritΓ  delle agende dell’informazione e della politica con la medesima forza. Questo perchΓ© la societΓ  dei dati in cui abitiamo, nonostante le visioni utopistiche di trasparenza che l’hanno annunciata e accompagnata per anni, ha moltiplicato le occasioni di segretezza, di opacitΓ , di oscuramento dei suoi meccanismi statuari. Dieci anni dopo l’inizio di quelle rivolte, perΓ², le storie umane che l’anno resa possibile non sono ancora tutte giunte a una soluzione.”

 

Le domande sul limite del potere nella sorveglianza dei cittadini, cosi come per la necessitΓ  di segretezza per ragioni di stato, sono domande che non hanno una risposta semplice e univoca: nella lotta al terrorismo forse siamo disposti a superare alcuni limiti, a rinunciare ad alcune libertΓ  in nome della sicurezza, ma in questo modo la sorveglianza puΓ² diventare facilmente fonte di sopruso e di tirannia o nasconde veritΓ  scomode in nome di interessi piΓΉ alti. Norberto Bobbio amava dire che la democrazia Γ¨ Β«governo pubblico in pubblicoΒ». Chomsky sostiene che l’obiettivo reale della NSA Γ¨ quello di realizzare uno stato di sorveglianza globale mediante intercettazioni estese a tutte le comunicazioni, di qualsiasi tipo, un obiettivo tipico di un potere totalitario. Le nuove tecnologie forniscono strumenti molto potenti per realizzare sorveglianza di massa.

Spesso il whistleblowing diventa pertanto uno strumento necessario per contrastare l’opacitΓ  del potere,Β  la trasparenza costituendoΒ  un pilastro della democrazia.

Il whistleblowing Γ¨ stato tradizionalmente concepito come strumento anticorruzione, a partire dalle raccomandazioni del Consiglio d’Europa e dalla giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, ma ora si Γ¨ sviluppata una prospettiva che lo inquadra nell’ambito del diritto alla libertΓ  di espressione e di informazione consacrato nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. La responsabilitΓ  del whistleblower Γ¨ verso l’interesse pubblico, della veritΓ  dei fatti e del bilanciamento con l’interesse di sicurezza nazionale.

“https://www.wired.it/attualita/media/2020/12/31/casi-assange-snowden-manning-giornalismo/?fbclid=IwAR0tyXbxhNQQvexmMRdgWhsWnxBBQCfP6YLIxqb4qVcC4Vu3C_pzO-FJ7qM”

 

Related posts
Ittica NewsSocietΓ  e CulturaStorie Diverse

Pillole di memoria

1 Mins read
La memoria si esercita. Non basta citare Primo Levi sui social e poi tornare ad essere le stesse merde egoiste di sempre….
Emergenza ClimaticaEuropaIttica Newspolitica italianaRivoluzione CulturaleSocietΓ  e Cultura

Bidelle, boss e baguette

2 Mins read
  https://www.google.com/amp/s/www.micromega.net/francia-in-sciopero-oltre-un-milione-di-manifestanti-in-piazza-contro-la-riforma-delle-pensioni/amp/ Mentre in Italia l’informazione si preoccupa di propinarci la fiaba tristeΒ  della bidella pendolare, alternandola alla serie fantasy prodotta da…
Ittica Newspolitica italianaSocietΓ  e Cultura

Il boss alle porte

3 Mins read
Corsi e ricorsi SarΓ  senz’altro una coincidenza, a pensar male si fa peccato e blablabla, ma giocarsi il bonus “arresto del superlatitante”…
Entra nellaΒ ItticaΒ Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!