Ittica NewsSocietร  e CulturaStorie Diverse

๐—ฌ๐—ฎ๐—น๐—น๐—ฎ ๐— ๐—ฎ๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ผ! ๐Ÿ‡ฒ๐Ÿ‡ฆ

4 Mins read

Ci siamo! ll Marocco raggiunge la semifinale all’insegna di un riscatto sociale che sa di colonialismo e di banlieue, ma anche di investimenti (toh, guarda!) che rendono.

รˆ ben vero che il calcio fa schifo e che non c’รจ niente per cui valga la pena di farne l’elegia. I giocatori di livello sono perlopiรน mercenari o figli di immigrati di seconda o terza generazione, le squadre di club navigano a vista e nei debiti, i fondi d’investimento, massima espressione del capitale finanziario sovranazionale, stanno sostituendo le dinastie imprenditoriali locali.

Ma allora che scriviamo a fare?

Per chiudere l’argomento subito e senza troppi giri di parole, sarebbe sufficiente parlare dei baluba intabarrati qatarioti, della loro propensione all’elargizione di mazzette, di quella meno che scarsa per i diritti dei lavorarori e di come si siano aggiudicati il Mondiale, vale a dire corrompendo “fenomeni” del facciaculismo come la greca Kaili, quella con i sacchi di denaro nell’armadio, o come il piddino italiota Panzeri. Fu proprio l’europarlamentare greca a sostenere in un accorato discorso di neanche un mese fa a Strasburgo che “Il Qatar รจ in prima linea per i diritti dei lavoratori”. Per dire.

Bene, dipinta la cornice, non resta che scegliere i soggetti.

Le prime pennellate sono per lo stadio “Al Thumama”, ieri massimamente colorato di rossoverde. Ma c’รจ di piรน. Fuori dallo stadio, a sostenere la squadra marocchina,ย  cโ€™era un universo.

Nonostante tra Rabat e Doha vi siano settemila chilometri, Marocco e Qatar si possono definire geograficamente (assai meno culturalmente) come le due estremitร  della mezzaluna islamica che dominรฒ quella parte di mondo compresa tra il Golfo Persico e le Colonne dโ€™Ercole (lo stretto di Gibilterra, per i fan basici di Poldo il girasagre).

“Ercole trasporta le leggendarie colonne”, smalto di Limoges metร  del XVI secolo, museo civico Ala Ponzone, Cremona.

Leggendo l’impresa a ritroso nel tempo, scopriamo che il Marocco ha investito molto in quella che sarร  la sua sesta Coppa del Mondo. Con lโ€™avvento di Walid Regragui in qualitร  di nuovoย  CT, seguito all’esonero del bosniaco Halilhodzic a meno di tre mesi dallโ€™inizio del torneo, il clima dello spogliatoio marocchino pare essersi rasserenato: il nuovo tecnico ha saputo riportare entusiasmo e speranza.

Sarebbe tuttavia ingiusto non riconoscere i meriti del predecessore di Regragui, il bosniaco Vahid Halilhodzic, Con lui al timone, il Marocco si era reso protagonista di un percorso brillante, inanellando venti vittorie, sette pareggi e solamente tre sconfitte prima dell’esonero per scazzi con i vertici federaliย  (tutto il mondo รจ paese) sulla gestione delle star Ziyech e Mazraoui.

Va anche detto che da qualche anno la nazionale magrebina puรฒ contare su una organizzatissima e capillare rete di scouting con osservatori in tutta Europa, dal Belgio alla Spagna, passando per la Francia e pure per lโ€™Italia.

Non รจ un caso se il Marocco รจ una tra le nazionali presenti in Qatar che maggiormente attingono al serbatoio delle diaspore europee, come si conviene agli stati dai quali si emigra da oltre un secolo: addirittura sedici dei ventisei giocatori selezionati dal CT Regragui non sono nati in patria.

Nonostante ciรฒ, sotto l’aspetto della formazione e dello sviluppo dei calciatori, diversi “step forward” sono stati compiuti anche a livello nazionale. Il merito รจ soprattutto dellโ€™Accademia Calcistica Mohammed VI, situata alla periferia della capitale Rabat. Lโ€™ Accademia, che porta il nome del sovrano, รจ la culla del calcio marocchino. Era questo lo scopo per cui nel 2008 il re Mohammed VI ne aveva proposto la costruzione, annunciando un investimento governativo di 140 milioni di dirham, lโ€™equivalente di circa tredici milioni di euro, cifra che ad oggi pare aver superato i sessanta milioni.

Sarebbe dunque riduttivo limitarsi a tratteggiare un quadro che parla unicamente di orgoglio nazionale e di fede religiosa. Quello รจ un disegnino che lasciamo ai pastelli “razziali” che popolano l’universo dei bimbiminkia salvinmeloniani. Basta pensare che la Turchia, semifinalista nel 2002, non aveva suscitato le stesse emozioni.

Per come la vedo io, magari un po’ romanticamente e rigorosamente da sinistra, รจ nel riscatto del lavoratore povero, quello al contempo umiliato dallโ€™emirato neo sfruttatore e perculato dal borioso Occidente ex colonialista, che si ritrova il significato di rivalsa di un mondo, il Terzo, su chi arriva, conquista e se ne va dandoti pure del morto di fame.

รˆ anche la rivincita “sul campo” del colonizzato sul colonizzatore: i marocchini hanno eliminato prima gli spagnoli, con cui i loro predecessori avevano combattuto per oltre mille anni; poi i portoghesi, che tentarono invano di conquistare il Marocco; ora in semifinale trovano i padroni piรน recenti, i francesi.

Vivendo in un quartiere ad alto tasso di immigrazione ed avendo amici di ogni etnia, quel che mi colpisce รจ proprio lo spirito gioioso di rivalsa piรน che quello rancoroso di vendetta, magari animato dall’integralismo religioso. In tempi di guerra รจ bello vedere lโ€™energia prendere il posto della rabbia.

Nel Mondiale qatariota si sono venute a creare le condizioni che hanno fatto di una buona squadra di pedatori un collettivo in grado di tener testa, quanto meno con lo spirito, anche alla pluriblasonata Francia.

Le tappe del percorso sono state scandite da festeggiamenti in tutto il mondo, Italia compresa. A Milano cโ€™รจ stata una rissa con accoltellamento. Non sarร  sembrato vero al governo neroverde di vedersi servito un assist facile facile per fare girare un po’ di merda dai tubi. Lo stesso ha invece glissato sull’aggressione razzista che alcuni marocchini hanno subito a Verona per mano di incappucciati armati di spranghe e catene.

Anche a Bruxelles รจ accaduto qualcosa di preoccupante: i figli degli immigrati hanno festeggiato in modo violento la vittoria sui belgi, dando dimostrazione di sentirsi piรน esuli che nuovi europei. In Francia potrebbe ripetersi una situazione simile. Resta il fatto che i nipotini di Leopoldo e quelli del generale Lyautey un po’ di “cattiva” memoria l’hanno lasciata.

Il calcio non รจ mai solo un fatto tecnico. รˆ un fenomeno che, nell’era della globalizzazione, rappresenta bene le contraddizioni del modello di sviluppo imperante e gli interrogativi sul futuro del mondo.

Al di lร  della goduria maxima nel caso in cui il Marocco “giustiziasse” anche la grandeur francese (ma sono quasi tutti africani!), il calcio รจ sempre una storia che riguarda tutti. Anche quelli che non lo seguono.

E allora Yalla Marocco!

๐ŸŒน๐Ÿดโ€โ˜ ๏ธ๐Ÿ‡ฒ๐Ÿ‡ฆ

127 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Universitร , ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De Andrรฉ. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica NewsSocietร  e CulturaStorie Diverse

Pillole di memoria

1 Mins read
La memoria si esercita. Non basta citare Primo Levi sui social e poi tornare ad essere le stesse merde egoiste di sempre….
Emergenza ClimaticaEuropaIttica Newspolitica italianaRivoluzione CulturaleSocietร  e Cultura

Bidelle, boss e baguette

2 Mins read
  https://www.google.com/amp/s/www.micromega.net/francia-in-sciopero-oltre-un-milione-di-manifestanti-in-piazza-contro-la-riforma-delle-pensioni/amp/ Mentre in Italia l’informazione si preoccupa di propinarci la fiaba tristeย  della bidella pendolare, alternandola alla serie fantasy prodotta da…
Ittica Newspolitica italianaSocietร  e Cultura

Il boss alle porte

3 Mins read
Corsi e ricorsi Sarร  senz’altro una coincidenza, a pensar male si fa peccato e blablabla, ma giocarsi il bonus “arresto del superlatitante”…
Entra nellaย Itticaย Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!