Ittica NewsRivoluzione CulturaleSocietà e CulturaStorie Diverse

Bruciamo, ma non ci spezziamo.

1 Mins read

La ThyssenKrupp è un’azienda tedesca, la più importante d’Europa nel settore siderurgico. Tra le molte società controllate vi è la Acciai Terni, i cui stabilimenti di Terni e Torino furono privatizzati e acquistati nel 1994 dopo una serie di vicende che, a partire dalla crisi economica degli anni Settanta, vide la Terni rientrare nel riassetto generale della siderurgia pubblica varato dall’IRI nel 1982.

In seguito al “new deal” di privatizzazioni a raffica degli anni Novanta, gli stabilimenti di Terni e Torino confluirono nella Acciai Speciali Terni (AST) fino a quando Thyssen acquisì l’intera proprietà, con la denominazione di “ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni”.

Purtroppo la narrazione è sempre la stessa, ma mai come in questi tempi, segnati dal ritorno prepotente del paradigma del “è il mercato baby”, vale la pena riflettere su chi governa come un Robin Hood bastardo e distopico che toglie ai poveri per dare ai ricchi e alle consorterie degli amici.

Oggi, se sei un loser della globalizzazione, la felicità non fa parte delle tue skill esistenziali. Al contrario, se sei un winner,  nasci con doppia o tripla dose di felicità, la tua più quella di qualcuno che non ce la fa a guardare i figli negli occhi per annunciare loro la lieta novella: “siamo poveri in canna”.

È dagli anni Ottanta che ce la menano con il pensare positivo ( ricordate il claim “Milano da bere”?). Più o meno da quando un imprenditore dell’etere già palazzinaro prese a raccontare di un Paese fatto di tette, culi e disimpegno.

Adesso che si è capito che non ce n’è per tutti e che se sei povero la colpa è tua, giornaloni padronali, intellettuali mainstream e la peggior classe politica dal dopoguerra si sono messi a cantare in coro per intortarci con un artifizio semantico: la resilienza.

Oh, non si fa in tempo a cadere o a finire arsi vivi in fabbrica che già si dovrebbe flettere leggiadri come una ginnasta del corpo libero. Pardon, resiliente.

Bruciamo, ma non ci spezziamo.

https://volerelaluna.it/controcanto/2021/12/11/sullo-sciopero-generale-lo-sciopero-generale-annucbenedetto-sia-il-conflitto/

 

128 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica NewsSocietà e CulturaStorie Diverse

6000 Sardine: la tempesta perfetta

2 Mins read
“L’associazione 6000 Sardine ha deciso di non entrare nella costituente del PD e di non sostenere alcun candidato” A ripensarci l’unica logica…
elezioniIttica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

L'Italia è ancora in piedi perché non sa da che parte cadere

2 Mins read
Di come Donzelli, Delmastro e tutti i post fascisti gettino palate di sterco su ciò che resta della democrazia in Italia è…
Ittica NewsSocietà e CulturaStorie Diverse

Pillole di memoria

1 Mins read
La memoria si esercita. Non basta citare Primo Levi sui social e poi tornare ad essere le stesse merde egoiste di sempre….
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!